L'Intervallo Salesiano » Blog Archives

Tag Archives: Progetto

Novità nello staff rosso-blu!!

Nel post partita di Casertana-Akragas, in conferenza stampa si è annunciato il ritorno di un veterano rosso-blu. Il presidente Giuseppe D’Agostino ha dichiarato diversi aggiornamenti per quanto riguarda lo staff dirigenziale, con direttore generale Beppe Materazzi. Si parla di grande ritorno in quanto Beppe ha coperto le panchine della Casertana dal 1985 al 1987 e poco dopo nell’annata di serie B 1991/9. Materazzi dichiara di essere entusiasta del progetto, annunciando nuove programmazioni per un futuro, si spera roseo, per la Casertana. Inoltre Materazzi sarà affiancato da Fabio De Carne, direttore dell’area tecnica, ex collaboratore di Beppe ai tempi del Bari. 

Published by:

Il Progetto #Donum dell’Associazione Nova Alba

Il “Progetto ‪#‎Donum” messo in piedi e fortemente voluto dall’associazione Nova Alba di Nola continua a regalare aiuti e sorrisi a chi è meno fortunato. Dopo la donazione al Centro di ricovero per Senzatetto, quella all’Ass. Anima Randagia e l’ultima alla Uildm, per finanziare il progetto “Alzati e cucina”, ecco un altro gesto di solidarietà. Stavolta il nostro progetto, che si compone di tanti piccole donazioni a enti diversi e a progetti utili alle realtà meno fortunate, ha fatto tappa alla Parrocchia Maria SS.ma della Stella di Nola. Grazie alla generosità di chi ha partecipato alle nostre iniziative, Nova Alba è riuscita a fornire un aiuto consistente in generi alimentari di prima necessità, che allevieranno le spese delle famiglie meno fortunate cui la Parrocchia sopracitata offre sostegno.
La solidarietà è una catena che parte dalla generosità di chi ha a cuore i più deboli. E l’intento dell’associazione è proprio quello di innescare un effetto domino, che porti aiuto e sollievo a chi è in difficoltà o ha bisogno di sostegno. Partito col Mercatino di Beneficenza di Natale 2014, il progetto Donum non conosce sosta e prevede altre fermate, per concludere suo il percorso di sostegno.

Rachele D’Antonio

Published by:

Ritiro di Pasqua: I nostri progetti di Paradiso

Il 5 marzo 2013, sabato di rientro, si è tenuto ai Salesiani il consueto ritiro di Pasqua. Quest’anno il ritiro si è concentrato sulla propria visione del Paradiso. Gli animatori del Movimento Kerigma hanno guidato il ritiro al biennio, mentre gli studenti rimasti in classe hanno svolto la lettura del passo del Vangelo dei due ladroni, soffermandosi sulla figura del ladrone che si pente sulla croce, per poi raccogliersi in preghiera. Dopo aver visto uno spezzone del film “Al di là dei sogni” nel quale il paradiso viene concepito come uno stadio di auto consapevolezza che muta in funzione delle proprie aspirazioni ed esperienze, i ragazzi sono stati invitati a compilare una scheda guidata al fine di arrivare a disegnare il proprio Paradiso. Più nello specifico, la scheda richiedeva la descrizione della propria soggettiva idea di paradiso: abitanti, colori e struttura, per poi disegnarlo nel retro così come descritto. Le idee sono state le più svariate: dalla classica idea di paradiso stile Simpson a una pizza gigante fatta degli ingredienti veramente importanti della propria vita, da un mondo fatto di bambini e splendidi angeli, alla vita reale. Qualcuno ha proposto un mondo infinitamente versatile dove il proprio beato abitante avrebbe avuto la facoltà di mutarlo a piacimento. Di tutti questi spunti, però, una cosa è certa: vivere in un mondo in cui è possibile immaginare tante idee così belle e diverse tra di loro è già un paradiso.

Published by:

“Vestire la Vita”: il progetto del Movimento Solidarietà

Uno dei progetti che il Movimento Solidarietà promuove è chiamato “Vestire la Vita”. L’obiettivo è quello di donare ai più bisognosi abiti, coperte, cibo e tutto ciò possa essere loro necessario. Nella nostra scuola, in collaborazione con l’oratorio ed i volontari dell’opera salesiana, stiamo organizzando una vera e propria RACCOLTA, lanciata nel mese di dicembre, prima delle vacanze natalizie. È solo un piccolo tentativo di donare loro “una parte di noi”, che possa dare conforto, un motivo per sentirsi accolti ed amati. Coordinati dalla Prof.ssa Battista nei prossimi mesi, terminata la raccolta, distribuiremo quanto messo da parte e suddiviso nel corso del tempo. Potete anche voi darci una mano donando una o più “parti di voi”, qualunque aiuto anche il più piccolo sarà ben accetto! Vi ringraziamo in anticipo lasciandovi con le parole di Gesù: “Vi dò un comandamento nuovo: che vi amate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri.” (Giovanni 13,34)

I ragazzi del gruppo “Vestire la Vita”

Published by:

La Luiss ai Salesiani per guardare al futuro

Il 21 gennaio in sala Don Rua le classi del quarto anno hanno partecipato nelle ultime due ore di scuola ad un orientamento universitario tenuto da un professore della Luiss di Roma. L’incontro è stato organizzato allo scopo di sensibilizzarci sulla scelta della facoltà universitaria e pubblicizzare le Summer School della prestigiosa università. La Summer School, come ci ha spiegato il docente, consiste nel vivere un esempio di vita universitaria e di preparazione ai test per le diverse università. Ho trovato molto costruttivo questo incontro in quanto rappresenta un tentativo da parte della scuola di farci capire un po’ meglio in cosa consiste l’università. Molto spesso, infatti, si parla di spaccatura tra il mondo liceale e quello universitario, ma dopotutto questo incontro ci fa capire come sia possibile ridurre il divario. Ho personalmente apprezzato molti consigli del professore, come quello di assistere a lezioni universitarie per capire gli argomenti affrontati e valutare la propria vocazione con esse e anche l’invito/consiglio di iniziare a prepararsi per eventuali test in modo da sgombrare il quinto anno da una serie di gravosi impegni. Non mancherò di seguire tutti questi consigli e spero di esservi stato utile in minima parte…Buona scelta universitaria a tutti.

Published by:

Ecco a voi il campo animatori che resterà nella storia

Non so se conoscete la sensazione che si prova quando si giunge al termine di un progetto durato molto tempo e costato molta fatica, e si è soddisfatti del proprio lavoro perché si può affermare di aver raggiunto il traguardo tanto sperato. Spero di sì.

Bene, allora, pensate che è stata un po’ questa la sensazione provata nel campo animatori di due giorni (dal 5 al 7 novembre 2015) presso la struttura di Sant’eramo in Colle che ha ospitato all’incirca 90 animatori, coordinati dall’infallibile Don Massimo e dal mitico Prof. Massimo Barone e coadiuvati dall’equipe composta da: Silvana Di Giacomo, Riccardo De Lucia, Elisa Di Bona, Michele Filippella, Giusi Razzano, Francesca Cristofani e Beatrice Tarabuso.

Quasi un anno fa titolavamo così: “Campo animatori 2014: nascono i ‘Fondatori con Don Bosco’”, vi ricordate? Ebbene, proprio quel regolamento è diventato punto chiave di questo campo animatori: ciascuno di noi, infatti, è stato chiamato alla firma del documento, ognuno di noi è ora UFFICIALMENTE destinatario di uno stile di vita fondato sugli insegnamenti di Don Bosco e sul pensiero collettivo del gruppo animatori.

La consegna del mandato è avvenuta l’ultimo giorno, durante la Messa che ha concluso le attività, ma nei giorni precedenti non siamo stati di certo con “le mani in mano”. Diverse, infatti, sono state le tematiche affrontate nei numerosi momenti di condivisione: dalla fedeltà dell’amore alla camorra e significative si sono dimostrate le canzoni prodotte da ciascun gruppo come presentazione del pensiero emerso durante le condivisioni.

Il tutto concentrato e amalgamato dal tema per eccellenza di quest’anno: la misericordia, affrontato grazie alla Parola di Dio sotto diverse sfaccettature. Non a caso il titolo del campo era proprio “Anime Salve – il volto della misericordia” dal titolo dell’album di Fabrizio De André, le cui canzoni ci hanno accompagnato per tutta la durata del campo.

Non posso che dirmi quindi soddisfatto del campo in questione che, come detto, si pone proprio a conclusione di un progetto durato più di 5 anni e finalizzato proprio alla stesura del Regolamento degli Animatori che è oggi ufficialmente riconosciuto e che presto sarà affisso.

Posso anche, a questo punto, dirmi soddisfatto del mio personale cammino di animatore (dato che quello trascorso è stato per me l’ultimo campo-animatori da liceale) conscio di aver lasciato qualcosa alla futura generazione di animatori, ma consapevole allo stesso tempo che quella firma impressa su carta non resterà “nero su bianco”, ma mi accompagnerà per tutta la vita: l’animazione e l’essere animatori non è un’attività, ma uno stile di vita.

Published by:

Stazione Scientifica Salesiani: l’intervista a Don Nicola Pecoraro

Vi avevamo già parlato in un precedente articolo della Stazione Scientifica impiantata a Caserta presso il nostro Istituto Salesiano. In seguito all’articolo, lo stesso Don Nicola Pecoraro – responsabile della Stazione Scientifica – ha voluto rilasciare un’intervista in cui spiega il funzionamento di alcuni componenti della stazione, come li ha costruiti e come possono essere usati per fare delle vere e proprie previsioni meteorologiche che, a quanto egli stesso afferma, hanno un margine di correttezza del 90-95%.

Vedi i video dell’intervista:

Video 1

Video 2

Published by:

Stazione scientifica all’Istituto Salesiano di Caserta

All’inizio del 2014 don Nicola Pecoraro, professore di scienze della scuola media e del liceo, ha iniziato a lavorare ad una stazione scientifica da installare all’interno dell’Istituto Salesiano di Caserta. Partendo da componenti semplici che già possedeva, ha assemblato sismografi, parabole per collegarsi con dei satelliti, vari sensori di umidità e temperatura e una telecamera in alta definizione (HD). All’inizio del mese di maggio il progetto è stato ultimato e la stazione è entrata in funzione. Al secondo piano del liceo c’è una stanza in cui don Nicola ha messo 7 computer, ognuno è collegato a un sismografo o a un sensore. Tutti sono stati collegati a un server che si trova in sala informatica al piano terra. Quest’ultimo è collegato ad un televisore che fa visualizzare, a chi passa, i dati raccolti dalla stazione. Questi, oltre ad essere a disposizione per la scuola, possono essere visualizzati da tutti coloro che si collegano al sito “www.salesianicaserta.org” scegliendo la voce “stazione scientifica”. Insomma una “creazione” veramente utile per chi vuole rimanere aggiornato in tempo reale sul meteo del centro di Caserta.

Published by:

Premiazione Certame 2015: Caserta zero, Messina uno

Nel corso della mattinata di Domenica 19 aprile 2015 si sono svolte le premiazioni per il concorso filosofico del Certame Bruniano di Nola al quale hanno partecipato anche 5 alunni del l’Istituto Salesiano di Caserta.

L’evento è stato organizzato dal comune di Nola – con un contributo di €42.000 – e dalla Fondazione “Parco Letterario Giordano Bruno” con l’ausilio di diversi partner, tra cui l’Agenzia di Sviluppo per l’Area Nolana e il comune di Casamarciano, Lions Club, Rotary, Pro Loco Nola, Meridies.

Nel Salone dei Medaglioni del Palazzo Vescovile, in un climax di tensione, sono stati assegnati i premi in palio partendo dal gradino più basso degli attestati di menzione speciale, destinati a:

  • Stefano Martelli – istituto san Marcellino pistoiese
  • Antonio Di Meglio – liceo statale di Ischia
  • Alfonso Malafronte – liceo ”Plinio Seniore” di Castellammare di Stabia
  • Martina Ingrosso – liceo ”C. De Giorgi” di Lecce
  • Virginia Presi – liceo classico “Niccolò Forteguerri” di Potenza 

In seguito, il primo premio di 1000 euro per la categoria degli universitari, vinto da Francesco Velotto della Pontificia facoltà teologica dell’Italia meridionale.

Infine si è giunti all’assegnazione dei premi di maggior valore per gli studenti liceali: il primo posto – dal valore di €2000 – è stato conquistato da Sergio Lombardo del liceo “Caminiti Trimarchi” di Messina. A seguire i premi di “minor valore”: Aurora Nesta – liceo “Q. Orazio Flacco” di Bari (€1000), Aurora Mella – liceo classico “Pietro Giannone” di Benevento (€700), Miriam Richichi – liceo scienze umane e linguistico “Tommaso Gulli” di Reggio Calabria (€500) e Francesco Casilli – liceo scientifico “Cosimo De Riggi” di Lecce (300 euro).

Niente di fatto, dunque, per i ragazzi della nostra scuola che tornano a casa con un’esperienza in più nel bagaglio culturale e con tanto divertimento nei loro ricordi. Ma, per dirla con il Prof. Di Girolamo, “persa la prima battaglia, la guerra riprenderà l’anno prossimo, e questa volta ci faremo trovare più preparati”.

Published by:

Giappone: il treno a levitazione magnetica più veloce al mondo

La scorsa settimana le ferrovie giapponesi hanno iniziato a testare, su un tratto sperimentale di binari magnetici, il treno a levitazione magnetica più veloce al mondo chiamato “Maglev L0”. Il nome deriva proprio dai particolari magneti che lo sorreggono e gli permettono di spostarsi. Il treno potrà trasportare 1000 passeggeri e viaggerà a una velocità di 500 km/h, anche se durante i test la velocità massima è stata di 603 km/h. Il treno collegherà due stazioni molto importanti, quella di Tokyo e quella di Nagoya, che distano 322 km l’una dall’altra. Il tempo stimato per raggiungere una delle due stazioni è di 40 minuti, un tempo record considerando la notevole distanza!! Il treno non poggia su rotaie, la sua pista viene seguita in levitazione, in termini pratici il treno si sposta in aria così da ridurre l’attrito, l’usura, l’inquinamento acustico e aumentare l’efficienza e la velocità, e per questo viene chiamato “treno proiettile”. Decisamente questo treno quando sarà operativo ridurrà di molto i tempi di spostamento però non molto diffusi per via della sicurezza, per i costi energitici e soprattutto per costruirli.

Published by:

I Salesiani finanziano il progetto di informatica del quarto A

Un’aria di innovazione aleggia sopra la nostra Casa salesiana: da un’idea di Luca Gervasio (professore di fisica e matematica) un progetto per immergere i ragazzi in campo informatico. Alcuni ragazzi del quarto scientifico A dovranno creare – attraverso l’uso del microprocessore Raspberry Pi (un piccolo computer) – un sistema che permetta di accendere una piccola luce, led, attraverso dei comandi di Input dati al PC. Se il progetto si concretizzerà al meglio, sarà inoltre possibile eseguire il comando mediante WiFi, quindi anche mediante un qualsiasi cellulare.
Referente del progetto – nonché capo team – è Beatrice Tarabuso che ha scelto Antonio Ricciardi, Maddalena Marotta e Maurizio Falconiero come suo staff. “Le persone selezionate non sono esperte di informatica – ci svela Beatrice –, anzi il livello di conoscenza è volutamente basso; questo per invogliare tutti a partecipare con la giusta sete di conoscenza.”
Non a caso, il fine del progetto è quello di permettere ai ragazzi di arricchire il loro bagaglio di conoscenze nel campo informatico visto che in futuro potrebbe risultare molto utile: si pensi all’università od al mondo del lavoro. I ragazzi sono molto motivati, la voglia di fare è tanta, anche se hanno messo da poco mano alla tastiera. E’ proprio per questo che il Direttore in persona, Don Franco Gallone, ha deciso di finanziare l’impresa. La stessa Beatrice ci ricorda la mitica frase di Stave Jobs: “l’unico modo di fare un ottimo lavoro è amare quello che fai. Sii affamato, sii folle”. Sicuramente questo gruppo è folle, speriamo che possa fare un buon lavoro da mostrare a tutta la scuola.

Published by:

L’eroico furore dei salesiani al Certame 2015

Si è svolta venerdì 17 aprile 2015, la XIV edizione del Certame Internazionale Bruniano presso il liceo classico G. Carducci di Nola. L’evento, organizzato dall’associazione culturale Meridies in collaborazione con il Comune di Nola e altri enti pubblici e privati, è la manifestazione filosofica su Giordano Bruno più importante d’Italia e ha coinvolto, nelle precedenti edizioni, più di 2000 studenti liceali e universitari provenienti da tutt’Italia. 

L’evento, però, non è un semplice concorso filosofico: esso in realtà consiste in una tre giorni (15-19) suddivisi in attività ricreative, laboratori filosofici e culturali, convegni, visite guidate e molte altre attività che permette ai partecipanti di conoscere la storia della città e di fare nuove amicizie.

Quest’anno anche l’Istutiuto Salesiano vi ha preso parte: esso è stato rappresentato da Anna Piccirillo, Beatrice Tarabuso, Giuseppe Centore, Giuseppe Guerriero e Carmine Molisso che si sono prodigati nella realizzazione di un saggio breve sui diversi tipi di furori che il filosofo presenta nel terzo dialogo della prima parte dell’opera morale per eccellenza di Bruno: “De gli eroici furori”.

La preparazione dei ragazzi è stata curata dal Professore di filosofia Sergio Di Girolamo ed ha impegnato i “furiosi eroici” per 3 settimane in orario curriculare ed extra-curriculare in un ‘tour de force’ nel tentativo di analizzare più passi possibili dell’opera.

La prova si è svolta presso il liceo Carducci dalle 9:30 alle 14:30 ed è stata un’esperienza unica nel suo genere: basti pensare che ha raccolto in quel di Nola ben 146 ragazzi. A seguire, l’Associazione ha organizzato la visita guidata al Duomo di Nola ed al Museo Archeologico. 

La premiazione si è svolta oggi Domenica 19 aprile alle ore 10.00 presso presso il Salone dei Medaglioni del Palazzo Vescovile di Nola.

Published by: