Category Archives: Ultime Notizie

After

Musica&Spettacolo News Ultime Notizie

Hardin è un ragazzo  tatuato, provvisto di piercing e con l’aria da duro. È bello ma è anche rude, rude fino al punto di risultare crudele. Considerando il suo carattere Tessa dovrebbe odiarlo, e difatti all’inizio lo disprezza, ma poi si ritrova da sola con lui e qualcosa nei modi di Hardin, nel suo essere un ribelle, nel suo aspetto oscuro, l’attrae irresistibilmente. Tessa bacia Hardin e a quel punto una passione dirompente, sorprendente anche per lei stessa, inizia a caratterizzare la sua vita.Da un lato Hardin sembra avvicinarsi a lei, ma continua a scomparire e ad allontanarsi a ogni occasione, insistendo che lui non è il tipo giusto per Tessa, ma nonostante il modo in cui Hardin la tratti, Tessa si impegna per cercare di andare oltre i modi e le bugie di Hardin. Il percorso sarà tutt’altro che semplice, ma Tessa farà di tutto per scoprire se quello che prova per Hardin è vero amore.

Published by:

Tumore al seno

Una pillola che si prende per via orale e ‘illumina’ il tumore – assalendo in modo estremamente determinato solo alle cellule tumorali e ai vasi sanguigni tumorali – potrebbe rivoluzionare la diagnosi precoce di cancro al seno. E’ l’invenzione messa a punto all’Università del Michigan e resa nota in occasione del 251esimo National Meeting & Exposition della American Chemical Society a San Diego. Si tratta di una pillola che si prende per via orale e  contenente un colorante, in grado di attaccarsi in modo specifico solamente a cellule malate e a vasi sanguigni tumorali, illuminandoli.

Testata per ora su cavie animali, la pillola potrebbe dunque essere usata per localizzare attraverso ad esempio un’ecografia una eventuale formazione maligna. Oggi la diagnosi precoce del cancro al seno è fondata sull’esame mammografico da ripetere periodicamente dopo i 40 anni. Speriamo che questa pillola sarà un passo in avanti nella lotta contro il tumore al seno, molto frequente ai giorni d’oggi.

Published by:

Caserta: arrestati gli autori dei furti

Archivio CASERTAttualità News Rubriche Ultime Notizie

Era da mesi che le loro attività delinquenziali erano nel mirino delle forze dell’ordine. Finalmente in data odierna, i Carabinieri della Compagnia di Caserta hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare, emessa dal GIP del locale Tribunale, su richiesta della Procura, nei confronti di sette persone di nazionalità albanese ritenute responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine in abitazione. Attività d’intercettazione telefonica ed ambientale, servizi di osservazione e pedinamento, hanno consentito di accertare che gli indagati, al fine di eludere i controlli delle forze dell’ordine, per comunicare utilizzavano un linguaggio criptico. Ad esempio “Andiamo a giocare a pallone” era il messaggio per informare che si partiva per commettere i furti; “vieni che andiamo a cercare un campo per giocare a pallone” serviva a segnalare i sopralluoghi delle abitazioni da svaligiare; “prendi scarpe da ginnastica ed il pallone’ serviva per ricordare ai complici di portarsi al seguito gli arnesi che servivano per lo scasso ed il vestiario idoneo al travisamento necessari per commettere i furti. Le indagini hanno permesso di ricostruire il modus operandi dell’associazione.Ci auguriamo tutti di vivere un po’ più tranquilli perché è assurdo che intere famiglie debbano vivere nell’angoscia nelle proprie case.

Published by:

L’amico ritrovato

Siamo nel 1932 a Stoccarda e la narrazione si apre con Hans Schwarz, un appartenente a una famiglia borghese e colta. Il padre di Hans è un medico ed ex soldato insignito durante la Prima guerra mondiale con la Croce di Ferro e nutre un forte sentimento nei confronti della patria.Un giorno nella sua classe arriva un ragazzino di nobile famiglia Konradin von Hohenfels, che mantiene un atteggiamento sostenuto e non lega con nessuno dei compagni; la famiglia gli ha infatti trasmesso un sentimento di superiorità rispetto agli altri, che deriva dall’onore di appartenere ad una delle famiglie più importanti del Paese. Tuttavia, Hans si sente attratto da Konradin e un giorno riesce a vincerne la timidezza mostrando in classe la sua collezione di monete.  Grazie a questa, i due ragazzi diventano amici, e Konradin si reca spesso a casa di Hans, di cui conosce i genitori e che frequenta quotidianamente. I due stringono un legame particolarmente forte, che li porta a conversare sia di argomenti semplici  sia di argomenti impegnativi   come l’esistenza di Dio o il significato della morte.

Published by:

Vicenda Turchia-Olanda: Cosa succede?

”Nazisti, la pagheranno”

Queste sono le parole con le quali l’autoritario presidente della Turchia, ha commentato i recenti scontri in Olanda fra il paese e i simpatizzanti Turchi.

Un dittatore è solito attaccare veementamente e con parole forti nazioni straniere, per apparire più forte agli occhi del popolo, ma senza prendere misure serie.

Invece in questo sia L’Aia sia Ankara non hanno intenzione di fare un passo indietro, e una potenziale crisi è all’orizzonte, ma, cosa è successo per davvero in questo weekend?

In Olanda vi è una situazione politica di polarizzazione con due partiti praticamente opposti che concorrono per il potere, il Partito per la Libertà, partito politico di estrema destra euroscettico, e il VVD, grossomodo un equivalente del PD.

La crisi è iniziata a causa della decisione di bloccare l’arrivo di Cavusoglu, ministro Esteri turco, che doveva tenere un comizio a Rotterdam per una manifestazione pro-Erdogan riguardante il controverso referendum Turco che deciderà se dare o meno più poteri al presidente.

Il leader del Partito per la Libertà  Geert Wilders, ha sollevato polemiche sulla manifestazione, e il governo, per prevenire scontri fra la comunità Turca e I seguaci di Wilders, decide di sospendere la manifestazione.

Nulla che non sia già successo con Germania e Austria, prontamente bollate come ”nazioni fasciste”, ma qui la siuazione ha, come si suol dire, preso una brutta piega.
La Turchia vuole sfruttare il ridotto peso internazionale dell’Olanda e la larga comunità turca a suo favore(500.000 su 17 milioni di abitanti totali).

Da ciò scaturisce una escalation di eventi, che porterà a una crisi diplomatica tra l’Olanda e la Turchia.
Quanto è grave la situazione?

Il ritiro delle ambasciate da entrambi I paesi, la rottura pratica dei rapporti diplomatici e l’invito del governo Olandese ai propri cittadini residenti o in viaggio in Turchia di ”stare attenti” già fanno pensare alla portata dell’incidente.

Erdogan attacca con paroloni l’Olanda, minaccia ”sanzioni diplomatiche” e chiama in causa l’Europa, chiedendo la discussione dell’incidente dinanzi alla corte di giustizia europea.

A tutto ciò l’Olanda risponde con un due di picche, negando ogni negoziato finchè il governo Turco non ritiri le proprie accuse e insulti, e il primo ministro olandese Mark Rutte fa riferimento alla Turchia come ”una nazione fiera di sè” ma precisando che ”anche l’Olanda lo è”.

Diplomaticamente la Turchia si trova in netta minoranza, avendo l’Olanda l’appoggio ufficiale di tutta l’Europa, ma si è giocata una carta molto importante, il trattato sui migranti, ha infatti espresso desiderio di ”Rinegoziare I termini del trattato”, mossa politica volta a ricattare l’Europa, magari per ottenere più fondi oltre che scuse ufficiali, oppure per permettere a partiti populisti e isolazionisti di cavalcare l’onda della situazione, vincere nei propri paesi e mandare in crisi la Nato, tutto ciò per avere mano libera in medio oriente e allearsi, senza troppo dare nell’occhio, con la Russia, tendenza questa già espressa in precedenza dopo il fallito colpo di stato.

In sostanza, è un altro colpo duro per la Ue, che, qualsiasi scelta prenderà, supportare l’Olanda facendo diventare il trattato sui migranti carta straccia, oppure chinarsi di fronte al volere turco, aizzerrà ancora più odio verso la già crollante Unione, e potrebbe purtroppo essere uno dei primi passi verso la sua caduta.

Published by:

“La mia identità prima di tutto”: Zayn

Zayn Malik, in arte conosciuto come Zayn, cresce in una famiglia numerosa di origini in parte Inglesi, in parte Pakistane.

Pur essendo attualmente un cantante solista, Zayn è meglio conosciuto come uno dei 5 componenti degli One Direction, band formatasi ad X-Factor UK con l’aiuto di Simon Cowell nel 2010: ma questa è un’altra storia.

Zayn lascia la band il 25 marzo 2015, e giustifica questo gesto, apparentemente inaspettato, rilasciando questa dichiarazione: “Voglio essere solo un normale 22enne”.

Questa affermazione viene smentita dopo non molto tempo, quando, esattamente un anno dopo, Zayn rilascia il suo primo album da solista: “Mind Of Mine”, anticipato dal singolo “Pillowtalk” rilasciato due mesi prima.

In diverse interviste successive all’uscita dell’album Zayn rimette in ballo l’argomento One Direction: “Non potevo fare musica che non avrei ascoltato io stesso; il lavoro che facevamo non mi rappresentava più, non avrei potuto continuare.”

E non gli si può dar torto!

Il primo album di Zayn promette bene secondo la reazione ricevuta dal pubblico, ma si differenzia molto dalla musica prodotta in precedenza: i testi sono più profondi, trattano tematiche diverse, se pur principalmente legate all’amore e le relazioni, e lo stile è tutt’altro: si distanzia dal pop, commerciale, degli One direction, e si avvicina molto all’R&B, arricchito però dai suoi vocals, ricordando molto lo stile di The Weeknd.

I testi sono profondi, e strettamente legati alla vita personale di Zayn, molto movimentata dal momento in cui ha lasciato la band.

Dopo aver interrotto la relazione con Perrie Ewards, cantante nelle Little Mix, altra band inglese, è attualmente in una relazione con la modella Gigi Hadid, che appare anche in diversi suoi video, come in quello di Pillowtalk.

Al momento Zayn, forse ispirato da Gigi, sta prendendo parte a diversi shooting fotografici come modello per diversi marchi, come ad esempio Versace: alcuni degli scatti, quelli in cui non è anche lei presente, sono stati scattati proprio da Gigi,  solo con il suo i-phone ed una canon.

 

Potrà Zayn avere la carriera vuole per se? E’ meglio  questa versione di lui o quello che era nei One Direction? Credo che solo il tempo sarà capace di darci delle risposte a questi interrogativi che per ora non possono che rimanere in sospeso.

Published by:

Il cesaricidio e le idi di marzo

Per ‘cesaricidio’ s’intende l’eliminazione fisica di chi può limitare la libertà degli altri , per accrescere il proprio potere. Il termine fa riferimento alla storica uccisione di Cesare, avvenuta il 15 marzo del 44 a.C. avvenuta per opera di 20 senatori che erano contrari al potere nelle mani di una singola persona, poiché come si ricorda Cesare, avendo ucciso il suo unico avversario politico rimasto, avviava la storia di Roma verso la dittatura. Questa data storica è anche ricordata come ‘idi di marzo’, con il termine ‘idi’ nel calendario romano si indicava il giorno 15 nei mesi: marzo,maggio,luglio e ottobre ed il 13 nei  rimanenti mesi.

Published by:

Casertana in visita a San Francesco

Il 10 marzo la Casertana si è recata a sorpresa dai bambini di casa San Francesco. Un momento di divertimento che va a marcare la forte collaborazione del club con l’associazione. I giocatori Ginestra, Fontanelli, Lorenzini e Giorno hanno fatto compagnia ai bambini per un pomeriggio, partecipando anche al compleanno di uno di loro.

Published by:

0-0 a Caserta!!

Partita a senso unico quella che si è giocata questa domenica in casa contro Messina. Una gara dalle poche occasioni, nessuna delle quali è riuscita a sbloccare la partita. Casertana subito pericolosa al 16′ con un’azione che si rivela poi non regolare per infrazione di fuorigioco. Ancora con Corado al 55′ che però non riesce a trovare la porta lasciando la partita sullo 0-0.

Published by:

Non si vince più, Juve, che succede?

Otto sconfitte nelle ultime dieci partite,  purtroppo da un pò di tempo è lo slogan della nostra amata JuveCaserta!! Il fortino Palamaggiò sembra solo una vecchia storia, e questa notizia fa davvero male ai casertani. In questo momento tutto in dubbio, anche il coach Sandro Dell’Agnello è appeso ad un sottile filo, in quanto, una squadra dalle grandi potenzialità e tanto tanto talento individuale (vedi Sosa), non può dare questi risultati. Tornando alla partita giocata Domenica contro Cantù,  non si è visto un bel basket, tantissimi errori da tutte e due le parti. Dopo il break dato alla Juve, l’unico che è riuscito a strappare gli applausi del palazzetto, è stato l’amatissimo Linton Johnson, tra l’altro grande amico dei Salesiani. Tutto in dubbio in casa bianco-nera, si aspettano novità.

Published by:

La Casertana ai Salesiani di Caserta

Dallo stadio alla scuola – Salesiani

La Casertana fa tappa ai Salesiani. Secondo appuntamento della rassegna “Dallo stadio alla scuola”. Dopo il grande successo del prologo tenutosi presso il Liceo Manzoni, i falchetti approdano in un altro degli storici istituti del capoluogo.
Giovedì 9 marzo alle ore 9.30 una delegazione della Casertana incontrerà gli studenti del Liceo Sportivo di via Roma. Una mattinata all’insegna dei colori rossoblu che si strutturerà in due momenti: prima un incontro nell’Aula magna per discutere di sport e presentarsi agli studenti, poi si passerà in uno dei campi a disposizione dei Salesiani per una seduta di allenamento agli ordini del tecnico Andrea Tedesco e del suo secondo Alfredo Cimino con gli immancabili suggerimenti di Giuseppe Materazzi, tecnico di provata esperienza prima ancora che attuale direttore generale dei falchetti. A mischiarsi tra i ragazzi ci saranno anche due calciatori rossoblu: il difensore uruguaiano Juan Manuel Ramos e l’attaccante argentino Gaston Ezequiel Corado prenderanno parte all’insolita ed originale seduta che permetterà ad alcuni degli studenti di dare qualche calcio ad un pallone in compagnia di atleti professionisti. A sostenere l’iniziativa, tra gli altri, anche una delle aziende da anni al fianco della Casertana: nell’occasione, infatti, ‘Berna’ regalerà agli studenti i suoi prodotti, altra eccellenza del nostro territorio.

Published by:

Da un piccolo sconosciuto ad un piccolo grande artista: Jacob Whitesides

A 13 anni scopre la sua passione per la musica, suona con il padre nei bar della sua città alcune cover come “She will be loved” ed “Hey there Delilah”, ne carica altre su youtube e nel 2014 Liam Payne, uno dei cantanti dei One Direction, visualizza la sua cover di “You&I”, facendogli guadagnare tantissime visualizzioni: così “nasce” Jacob Whitesides.

Jacob non scopre d subito la sua passione per la musica; solo a 13 anni, spinto dal padre, prende in mano la sua prima chitarra ed impara tutto da solo: da lì in poi non si ferma più.

Jacob inizia a scrivere da subito, ed in poco tempo realizza testi molto profondi nonostante la sua giovane età, testi che lo rispecchiano, che parlano della sua vita, inizialmente molto influenzati dal divorzio dei suoi genitori, avvenimento che lui identifica come la scintilla che gli da l’ispirazione per avviare quella che poi sarà la sua carriera.

Il suo primo EP viene pubblicato nel 2014; dal titolo “3AM EP” contiene esclusivamente cover, ma non passa molto prima del secondo, infatti nel 2015 Jacob realizza “A Piece Of Me EP” che, come spiega bene il titolo stesso dell’album, contiene tutti pezzi scritti e composti a lui stesso, che ci permettono di avere un’ampia vista da più prospettive della vita interiore di Jacob.

Verso la fine del 2015 Jacob acquista ancor più popolarità fino a riuscire ad aprire alcune date del tour della celebre girl band, oramai scioltasi: le Fifth Harmony.

A questo punto subentra nella sua vita Bea Miller: i due sono coetanei e simili sotto molti punti di vista. Ispirato da questa sua relazione e dalla sua crescita in generale, l’otto settembre 2016 Jacob pubblica il suo album di debutto, dal titolo “Why?”.

“Ci sono 13 canzoni, e quasi tutte ruotano attorno all’amore, ma spaziano molto e guardano a questo da diversi punti di vista. “Lovesick”, la prima traccia dell’album, è una canzone divertente che racconta di come è facile mettersi nei guai quando si è con la propria ragazza mentre, ad esempio, “You told me so” riflette in modo profondo la sensazione di stress di una relazione mantenuta a distanza” dice Jacob stesso, ed in particolare parla di uno dei singoli, identificandolo come quello che rappresenta maggiormente l’idea sulla quale ruota tutto l’album così: ” “Love Slow” è ispirata da tutti i problemi che porta l’avere 18 anni e tutto quello che succede nella vita mia ed in quella della mia ragazza; essendo le nostre vite molto orientate al “dover essere adulti” man mano che acquistiamo fama, cerchiamo di comportarci come dovremmo ma cerchiamo sempre di trovare un po’ di pace per noi stessi, per fare quello che fanno i ragazzi della nostra età ai giorni nostri”

In generale, sin dall’inizio Jacob è stato molto apprezzato anche per la sua volontà di rimanere con i piedi per terra e la sua voglia di comunicare con i suoi fan.

Proprio per questo Jacob è molto attivo su tutti i social networks, comunica con i fan giornalmente, continua a postare video di alcune cover su youtube e risponde alle domande che gli vengono poste molto spesso; riguardo ciò infatti dice “Sto cercando di fare tutto un giorno alla volta. Voglio davvero tenere i miei fan molto coinvolti in tutto quello che faccio, tenerli interessati anche quando non faccio tour o nuova musica. Inoltre voglio continuare a migliorare, voglio diventare sempre più bravo in quello che faccio”

Queste parole suonano così bene che potremmo dire che anche molti artisti più grandi e più famosi di lui farebbero bene a seguire il suo esempio!

 

Published by: