L'Intervallo Salesiano » Blog Archives

Author Archives: Carmine Molisso

About Carmine Molisso

Carmine Molisso è giornalista e WebMaster per L'Intervallo Salesiano. Ha creato il Sito del Giornale e collaborato alla sua crescita fin dalla nascita di questo progetto on-line! Scrive anche per le rubriche "Una Finestra sul Mondo" e "InfoTech"

Festa di Maria Ausiliatrice: ecco le foto della premiazione!

Published by:

L’IntervalloSalesiano: ecco come cambia…

Ciao amici, prima di tutto voglio personalmente ringraziarvi del supporto che ci date e dell’affetto che ci dimostrate, poi nell’invitarvi a seguire sempre e comunque il nostro giornale, vi racconto un po’ dei cambiamenti che sono in corso d’opera all’interno del nostro Team. 

In primo luogo abbiamo ritenuto opportuno apportare delle modifiche nella gestione delle rubriche, riducendole di quantità ma non di qualità. Ecco, dunque, le nostre rubriche “ridotte”: restano le veterane ARTE&SPETTACOLO e  ACCADDE OGGI; IL MOLO ingloba InfoTech e stesso discorso vale sia per L’ATTIVISTA SALESIANO, che oltre a trattare degli eventi della nostra Casa Salesiana, inglobando Una finestra sulla scuola (che tra l’altro salutiamo con “riverenza” dato che ci ha accompagnato per quattro anni), si occuperà di raccontarvi anche tutto quello che succede nel Liceo Classico e Scientifico, sia per FIND THEM NEXT, che ha abbracciato Gli Emergenti. Dobbiamo, invece, dare il benvenuto a due nuove rubriche: CASERTAttualità, che si concentrerà sui principali avvenimenti della città di Caserta e provincia, e che quindi restringe “l’insieme di definizione” della vecchia Una finestra sul mondo; l’altra nuova rubrica, fortemente voluta dal nostro mitico Don Max, è #SantiSalesiani, che vi proporrà brevi profili dei principali santi salesiani che tanto hanno dato all’opera di Don Bosco, ma che così poco si conoscono.

Insomma un cambio d’abito per l’intero giornale che, nel conservare in parte il vecchio, dà ampio spazio alle nuove idee. Ma le novità non finiscono qui: a cambiare non sono solo le rubriche, ma anche l’organizzazione del team di redazione. Al coordinamento generale restano sempre i nostri infallibili prof. Chiara Carusi e Vincenzo Piscitelli, io lascerò la direzione de L’IntervalloSalesiano a fine aprile per assumere un ruolo di supervisione, mentre è stato appena costituito il nuovo gruppo di coordinamento composto da Luigi Massa (già vice-direttore), Antonio Pontillo e Davide Deleonardis, che avranno il fondamentale compito di gestire l’intera redazioni occupandosi ciascuno di alcune rubriche. Restano, invece, intatti tutti gli altri autori che avete già avuto modo di conoscere nelle loro rubriche. 

Tante novità, tanti cambiamenti, ma L’IntervalloSalesiano è sempre lo stesso: il giornale dei Salesiani di Caserta!

Una buona giornata a tutti. 

Carmine Molisso

Published by:

Non ci crederai mai: il Lotto prima di Cristo?!

Il gioco del lotto, sebbene sia difficile da credere, ha origini antichissime! Immaginate che già molti secoli prima di Cristo gli Egizi e i Caldei amavano giocare con la sorte, ma non solo: gli stessi Romani, durante i Saturali di dicembre, organizzavano dei giochi simili all’attuale tombola o estrazione del lotto. 

Più nello specifico, l’attuale formula del Gioco del Lotto sembra fosse in uso a Genova nel XVI secolo, ed in particolare funzionava attraverso un sistema elettorale alquanto particolare: si estraevano a sorte i 5 nomi di cittadini meritevoli tra all’incirca 90 papabili. Questa modalità, però, ben presto si diffuse e dalle singole puntate si passa agli ambi, ai terni, ecc. Il fascino del gioco di Genova portarono il Lotto a una diffusione vastissima. Dopo l’unità d’italia furono scelte otto città italiane denominate comunemente ruote. Nel 1891, inoltre, il regolamento venne modificato e ne fu redatta un’edizione che è stata valida fino al 2005, quando è stato nuovamente modificato. L’8 luglio del 1933 venne introdotto anche il gioco della cinquina. Oggi sono 11 le ruote del Lotto sulle quali si può puntare. Il SuperEnalotto, infine, è stato inventato più tardi, nel 1997, ma era strettamente dipendente dal gioco del Lotto, fino al 2009, quando un nuovo regolamento ha rivoluzionato l’estrazione dei numeri. Questi non sono più ricavati dalle estrazioni del Lotto, ma sono sorteggiati in una estrazione separata.

 

Published by:

Olimpiadi di Matematica: ecco i finalisti

Anche quest’anno la nostra scuola ha partecipato alla XXV Olimpiade dei giochi logici linguistici matematici organizzata da Gioiamathesis – Associazione “Prof. M.Villanova” . 

Segue l’ elenco degli alunni ammessi alla finale del 7 maggio 2016, che si svolgerà in contemporanea presso i poli di Bari, Agrigento, Ancona, Alassio, Casale Monferrato, Grosseto, Latina, Tortolì, Quartu, Trieste, Zurigo.

Fascia 13-14
Iacoessa Angela

Amico Maria Wanda

Petrone Angela

Barbieri Spirito Manuela

Fascia 15-16
Magliocca Stefania

Moretta Elisabetta

De Francesco Emanuela

Iorio Claudia

Dal Poggetto Rita

Fascia 17-18
Chirico Giulia

Manna Giulia

Ponticelli Anna

Molisso Carmine

Giannini Alessandro

Ricciardi Antonio

Gallo Umberto

De Leonardis Davide

Mannella Viviana

L’elenco completo è disponibile cliccando sul seguente link.

Referente dei giochi: Prof. Lorenzo Scialla

Si riporta l’organizzazione dei giochi come descritta dal sito dell’associazione:

Gioiamathesis opera in una propria sede con struttura per ufficio, stampa e biblioteca sulla didattica della matematica, inoltre, coordina operatori in 18 sedi polo regionali e provinciali ed italiane all’estero e i docenti referenti in tutte le scuole con partecipanti, fornendo supporto didattico e, dal 2007, esperti per corsi gratuiti di formazione sia per docenti che per studenti in sedi provinciali e regionali.

La partecipazione degli alunni in difficoltà o portatori di handicap è resa anche possibile  attraverso laboratori  on-line, produzione di  materiale su supporti elettronici, traduzione dei  test  in braille ed in altre lingue per concorrenti stranieri, modelli per l’esplorazione tattile, coinvolgendo volontari, docenti e studenti universitari di vari ambiti disciplinari, soci, esperti di didattica ed autori per la divulgazione della matematica.

Gioiamathesis promuove direttamente la diffusione delle olimpiadi dei giochi logici linguistici matematici per posta, fax ed e-mail (pec) nelle scuole di tutto il territorio nazionale e nelle scuole italiane all’estero, informa sui risultati per fax, posta elettronica ed attraverso sito: www.gioiamahtesis.it ed il giornale matematico on-line per studenti e docenti http://www.gioiamathesis.it/index_file/giornale.htm, televisione e giornali, progetta e realizza la stampa dei test, diplomi, manifesti, gadget matematici, calendari scientifici, testi su supporti multimediali, organizza mostre delle invenzioni e creazioni, realizzate da studenti per i concorsi in parallelo alle gare, e delle soluzioni più originali, fornite ai test dai concorrenti, rilascia certificazione dei risultati conseguiti e ne archivia i dati in modo da renderne possibile la consultazione nel tempo e soddisfare la richiesta di certificazione di crediti per master e corsi di specializzazione post-laurea.

La gara finale per la secondaria di II grado si svolge dal 1998 ad oggi presso il Politecnico di Bari e per i finalisti degli altri ordini di scuola si svolge oltre che al Politecnico di Bari, contemporaneamente in altre 18 sedi distribuite fra le regioni del nord, del centro e delle  isole ed all’estero.

La commissione di valutazione è formata da docenti che non hanno alunni fra i concorrenti secondo i criteri di valutazione forniti dagli autori dei test.

Published by:

Giannini: Arriva il Premio Nazionale per gli Insegnanti

E’ arrivato il 13 marzo l’annuncio del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini che ha deciso di istituire un Premio nazionale degli insegnanti, nella stessa giornata della proclamazione del vincitore del ‘Global Teacher Prize’, il premio internazionale noto anche come ‘Nobel’ dei docenti.

“Gli insegnanti hanno un ruolo determinante. Il loro compito è la missione più speciale: quella di educare le nuove generazioni a contribuire ad una società migliore”, sottolinea il Ministro.

Il premio nazionale seguirà i principi meritocratici inseriti nella riforma della Buona Scuola, basandosi sui criteri di innovazione didattica ed impegno nell’istruire i cittadini di domani. Molto spesso si parla di docenti e professori in senso negativo, e il cambiamento stesso della scuola di ieri rispetto a quella di oggi vede un netto calo del peso che si attribuisce all’insegnante, invece con questo premio si tenta di riconoscergli una responsabilità sempre più grande nella crescita culturale e non dei ragazzi. 

Il Premio nazionale nasce proprio da quello internazionale del Global Teacher Prize e si pone proprio l’obiettivo di valorizzare il ruolo strategico dell’insegnante nella società contemporanea. Le candidature per il premio saranno aperte in primavera e i docenti dovranno essere candidati, non potranno auto-candidarsi. In seguito una Commissione indipendente di esperti sceglierà i 5 vincitori del premio nazionale dell’insegnante che riceveranno un budget (50.000 euro al primo, 30.000 agli altri 4) da utilizzare esclusivamente per realizzare progetti all’interno delle loro scuole.

Il premio, infatti, vuole valorizzare non solo l’insegnante, ma anche e soprattutto il suo lavoro nelle singole scuole. I 5 docenti parteciperanno al Global Teacher Prize 2017 a cui si potrà comunque accedere anche senza aver preso parte all’edizione nazionale.

Intano è possibile segnalare il proprio insegnante attraverso il modulo costruito da bSmart.it, clicca su questo link e vedi. Sottolineo, però, il fatto che questa segnalazione non è valida per il premio nazionale dei docenti. 

“Concludo congratulandomi veramente e sentitamente con tutti quegli insegnanti, migliaia, che in tutto il mondo hanno aderito a questa edizione del Global Teacher Prize. Anche la nostra candidata italiana ha avuto un ottimo risultato e quindi va anche a lei il mio pensiero. Ma soprattutto il mio pensiero va a tutta la comunità degli insegnanti italiani che dal prossimo anno avranno anche questa occasione per dimostrare il loro attaccamento, la loro dedizione quotidiana alla scuola e quindi allo sviluppo di una società migliore”, chiude Giannini.

Published by:

Olimpiadi di Biologia: ecco i vincitori

Come vi abbiamo già raccontato quest’anno, per la prima volta ai salesiani si sono svolte le Olimpiadi di Biologia per il triennio del liceo classico e scientifico. Abbiamo anche chiesto ai docenti del dipartimento di scienze della nostra scuola com’era nata quest’idea e soprattutto cosa ne pensavano delle opportunità di questa gara. Adesso pubblichiamo di seguito i vincitori della fase scolastica delle Olimpiadi di Biologia:

LICEO SCIENTIFICO

  1. GIANNINI A. della 5a A – 37/40
  2. MARTINISI P. del 4o appl. – 35/40
  3. MUSCO G. del 4o appl. – 33/40
  4. GALLO U. della 5a A – 32/40
  5. MAROTTA M. della 5a A – 31/40
  6. RICCIARDI A. della 5a A – 31/40

LICEO CLASSICO

  1. PONTICELLI A. del 5o – 30/40
  2. PICCIRILLO P. del 5o – 30/40
  3. IASELLI C. del 5o – 28/40
  4. MOTTA C. del 4o – 23/40
  5. GRAVINA A. del 3o – 23/40

Il numero di allievi che parteciperà alla fase regionale sarà comunicato a breve dagli organizzatori. 

Published by:

Olimpiadi di Biologia: l’intervista ai professori

Come vi abbiamo già raccontato, quest’anno per la prima volta si sono svolte ai Salesiani di Caserta le Olimpiadi di Biologia per le classi del Liceo classico e scientifico del triennio. L’Intervallo Salesiano ha deciso, inoltre, di chiedere direttamente ai docenti del nostro dipartimento di scienze i dettagli su quest’iniziativa. Vediamo cosa ci hanno risposto…

  1. Da dov’è nata l’idea di portare anche ai Salesiani le Olimpiadi di biologia?

L’idea è nata da una richiesta di un gruppo di studenti del V scientifico A. Avendo percepito un certo interesse da parte degli alunni, interesse non emerso esplicitamente negli anni passati, il dipartimento di scienze ha deciso di proporre, per quest’anno, la partecipazione alle Olimpiadi di  Scienze Naturali (quattordicesima edizione, organizzata dall’ANISN, Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali), sezione Biologia rivolta solo agli studenti del triennio. In futuro si potrebbe pensare anche alle Scienze della Terra coinvolgendo, eventualmente, anche gli allievi del biennio.

  1. Quali sono le opportunità per chi passa le selezioni scolastiche?

Gli studenti primi classificati del Liceo classico e del Liceo Scientifico potranno accedere alla fase regionale che si effettuerà martedì 22 marzo 2016. Seguirà, poi, la fase nazionale che si disputerà sabato 7 maggio 2016. La fase internazionale, preceduta da una settimana di preparazione intensiva, si svolgerà ad Hanoi, in Vietnam, dal 17 al 24 luglio 2016. Inoltre la prestigiosa Humanitas University, un Ateneo non statale dedicato alle scienze mediche, offrirà una borsa di studio consistente nell’esonero totale o parziale della retta prevista per la frequenza dei corsi universitari di Medicina in lingua inglese, allo studente meglio classificato nella gara nazionale.

  1. Quali sono le finalità delle olimpiadi?

Partecipare alle olimpiadi significa vivere un’esperienza in cui mettersi in gioco, affrontare una materia di studio in modo diverso e più stimolante ed accettare un confronto al di fuori del proprio ambiente scolastico.

  1. In cosa consiste effettivamente il test?

Lo strumento utilizzato per lo svolgimento delle selezioni delle Olimpiadi di Scienze è una prova scritta costituita da un questionario articolato in domande strutturate, da svolgere in un tempo rigorosamente prefissato. Le batterie di quesiti sono costituite da domande a scelta multipla a 5 alternative, ma potranno contenere anche alcune domande aperte a risposta univoca. La prova utilizzata per la selezione nazionale è simile a quella regionale, ma potrà contenere anche alcune domande di tipo aperto al fine di saggiare le capacità logico-argomentative degli studenti.

  1. Cosa vi aspettate da queste olimpiadi?

Sognando in grande ci auguriamo che uno dei nostri allievi arrivi a disputare la finale internazionale in Vietnam, ma la speranza principale, al di là dei risultati, è che rappresenti una bella esperienza per coloro che hanno partecipato.

  1. Quanto lo studio della biologia fatta in classe può aiutare alla risoluzione dei quesiti proposti?

L’obiettivo principale dell’insegnamento delle scienze va al di là del semplice nozionismo ma punta soprattutto a sviluppare una mentalità scientifica nel modo di affrontaree risolvere i problemi. L’acquisizione di tali competenze (interpretazione di grafici, utilizzo di dati ecc.) può condurre l’allievo alla risoluzione dei quesiti proposti.

La Redazione de L’Intervallo Salesiano ringrazia i docenti del dipartimento di scienze per la preziosa collaborazione  In particolare si ringraziano i professori Arzillo Stefania, Coppola Anna, Fiorillo Carmela, Pecoraro don Nicola.

Published by:

Per la prima volta ai Salesiani le Olimpiadi di Biologia

Si sono svolte nel pomeriggio di giovedì 3 marzo le Olimpiadi di Biologia per il Liceo classico e scientifico. Il materiale per la prova è stato predisposto dai docenti del dipartimento (i Prof. Arzillo Stefania, Coppola Anna, Fiorillo Carmela, Pecoraro don Nicola). Sono stati ammessi tutti gli allievi del triennio che si sono iscritti entro il 30 gennaio 2016 e che non hanno riportato una valutazione insufficiente in scienze nel I trimestre (tot 77). Per la classifica a parità di punteggio riportato nella prova d’istituto, si considererà la valutazione in scienze del 1° trimestre, a seguire, la media scolastica conseguita dal candidato nel 1° trimestre, ed eventualmente, quella dell’a. s. precedente.

Dettagli a parte, è una vera e propria novità per la nostra scuola: per la prima volta nella storia dei salesiani i ragazzi del triennio hanno affrontato la prova organizzata dall’ANISN (Associazione Nazionale Insegnanti Scienze Naturali) per la sezione di Biologia.

L’iniziativa, in generale, è rivolta a tutti gli indirizzi della scuola secondaria superiore, ed è promossa dal MIUR. L’anno scorso sono state quasi 400 le scuole superiori che hanno aderito sull’intero territorio nazionale. Le Olimpiadi hanno le finalità di permettere agli studenti di valutare la propria inclinazione per lo studio della scienza, ma anche di realizzare un confronto tra le diverse realtà scolastiche nazionali ed estere. La partecipazione alle Olimpiadi delle Scienze Naturali è importante anche per altri due motivi: primo L’ANISN cerca di individuare e valorizzare le eccellenze italiane, ed inoltre attraverso l’associazione l’Italia parteciperà alle IBO che sono le Olimpiadi Internazionali di Biologia e anche alle IESO, le Olimpiadi Internazionali di scienze della terra. Nella precedente edizione la squadra italiana ha vinto tre medaglie di argento e una medaglie di bronzo alle IBO e due medaglie di argento e due medaglie di bronzo alle IESO.

Anche quest’anno la prestigiosa Humanitas University, prestigioso Ateneo dedicato alle scienze mediche è partner ufficiale delle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2016. Tale università, al fine di valorizzare le eccellenze, premierà lo studente primo classificato a livello nazionale con una borsa di studio per il corso universitario di Medicina in lingua inglese.

Ecco lo svolgimento delle Olimpiadi: 

  1. FASE D’ISTITUTO: entro il 15 marzo 2016 
  2. FASE REGIONALE: martedi 22 marzo 2016 contemporaneamente in tutta Italia, in una sede unica per regione. Ad essa saranno ammessi gli studenti primi classificati di ogni istituto di quella regione. 
  3. FASE NAZIONALE: dal 6 all’8 maggio 2016 e riguarderà i primi classificati in ogni regione. La gara nazionale sarà disputata sabato 7 maggio 2016, con inizio presumibile alle ore 10.00. 
  4. SELEZIONE FASE INTERNAZIONALE IBO: al fine di valutare non solo le competenze teoriche ma anche quelle pratiche, durante la fase nazionale gli studenti classificatisi ai primi posti della categoria triennio – sezione Biologia svolgeranno una prova pratica di biologia i cui risultati saranno valutati insieme a quelli della prova teorica ai fini dell’individuazione dei vincitori nazionali, della individuazione dei 10 studenti da premiare con uno stage di preparazione alle IBO e dei 4 studenti che costituiranno la squadra italiana per la fase internazionale.
  5. SELEZIONE FASE INTERNAZIONALE IESO: al fine di valutare non solo le competenze teoriche ma anche quelle pratiche, durante la fase nazionale gli studenti classificatisi ai primi posti della categoria biennio e della categoria triennio – sezione Scienze della Terra svolgeranno una prova pratica di Scienze della Terra i cui risultati saranno valutati insieme a quelli della prova teorica ai fini dell’individuazione dei vincitori nazionali, della individuazione dei 10 studenti da premiare con uno stage di preparazione alle IESO e dei 4 studenti che costituiranno la squadra italiana per la fase internazionale.
  6. FASE INTERNAZIONALE: per le Olimpiadi Internazionali di Biologia (IBO) si svolgerà ad Hanoi, in Vietnam, dal 17 al 24 luglio 2016; per le Olimpiadi Internazionali di Scienze della Terra (IESO) in Giappone dal 20 al 28 agosto 2016. In entrambi i casi la delegazione italiana sarà costituita da 4 studenti e da due docenti accompagnatori, responsabili delle traduzioni in lingua italiana delle prove teoriche e sperimentali.

 

Published by:

ESCLUSIVA: Festa di fine anno? Si, ma con delle novità!

Sono stati i Rappresentanti d’Istituto Anna Piccirillo e Vittorio De Caprio, durante l’intervista rilasciata all’Intervallo in occasione della cogestione, ad accennarci qualcosa su uno degli argomenti più “bollenti” di questo anno scolastico: LA FESTA DI FINE ANNO. Anna, in realtà, ci ha detto che l’idea generale di una possibile festa di fine anno c’è già, ma bisogna vedere come strutturarla. La rappresentante ha sottolineato il fatto che sicuramente questa festa non sarà come quella che tutti voi state probabilmente già immaginando, anzi sarà molto diversa, ma ve lo diciamo con le sue parole: <<Vogliamo eliminare le aspettative di tutti e vogliamo che quest’idea di festa di fine anno sia rivoluzionata nel vero senso della parola, ovvero essa dev’essere il coronamento di un percorso, il coronamento di un’attività di animazione>>. Anche l’altro Rappresentante, Vittorio è stato chiaro sulla questione: <<Allora, diciamo che qualcosa ci sarà, ma questo qualcosa sarà fatto come festa salesiana, come riteniamo sia giusto essere dato che siamo un Istituto Salesiano, quindi dobbiamo e vogliamo fare le cose in questo modo>>. Non si tratta, dunque, né di un ballo di fine anno e né di una festa in discoteca, ma sarà un festeggiamento in stile salesiano. Don Bosco diceva: “La santità consiste nello stare sempre allegri” e i Rappresentanti d’Istituto vogliono rappresentare proprio questo. Ulteriori news e approfondimenti nei prossimi mesi. 

Published by:

Shock per Braccialetti Rossi 3: nuovo slittamento

Vi avevamo già parlato delle novità della super fiction di Rai 1, “Braccialetti Rossi”, della quale è attesa la terza serie. Siamo obbligati a ritornare sull’argomento vista la notizia che si sta ormai diffondendo sul web: il produttore Carlo degli Esposti ha annunciato che la serie vedrà la luce solo in autunno. Insomma da una messa in onda prevista per aprile, siamo slittati addirittura a dopo il periodo estivo. La notizia non è stata certo ben accolta da tutti i fans dei Braccialetti, ma degli Esposti ha sottolineato la volontà da parte della casa produttrice Palomar di organizzare incontri ed eventi live e per questo ha invitato tutti a non abbandonare i ragazzi della serie per questo problema di programmazione. Ma da cosa nasce precisamente il rinvio? Notizie non ancora certe farebbero pensare ad un annullamento da parte di Rai Premium delle repliche della seconda stagione di Braccialetti Rossi che potremmo iniziare a vedere di nuovo in TV solo nei mesi estivi. Il ritardo potrebbe, dunque, trasformarsi in un grosso problema per la RAI che grazie alla serie, nella primavera scorsa, era riuscita a fare numeri di ascolti record. Quella di Braccialetti Rossi 3 si preannuncia, insomma, un’attesa lunga e si spera non senza fine.

Published by:

Braccialetti Rossi 3: tutte le anticipazioni della serie

Eh si, ormai ci siamo…per tutti gli appassionati della serie TV sta per riprendere o meglio per iniziare la nuova stagione di Braccialetti Rossi, la mitica serie della Palomar in onda su Rai 1, che quest’anno festeggia il numero 3. Lo scorso anno la serie aveva chiuso con oltre 6 milioni di spettatori nell’ultima puntata con uno share del 24%, insomma dati quasi alla pari delle più importanti fiction di Rai 1 (vedi Don Matteo o Un Medico in Famiglia). L’anno scorso le aspettative furono ricompensate e il pubblicò gradì molto tutti i colpi di scena, soprattutto quelli mozzafiato dell’ultima puntata…ma come ci eravamo lasciati?

Come ci eravamo lasciati?
Come dimenticare la scena sulla spiaggia in cui Leo si prepara a partire mentre tutti gli altri, in lacrime, lo incitano a restare e a lottare; si, perché a Leo è stato precedentemente diagnosticato un altro tumore, con solo l’8% di possibilità di sopravvivere, così pensa di scappare via, di morire in mare aperto a bordo della sua canoa. Ma non ci riuscirà: grazie ai Braccialetti Rossi, infatti, il Leader ritroverà la forza di combattere contro la sua malattia…

Insomma a questo punto le domande che attanagliano il web sono tante: prima tra tutte quando inizierà la prossima stagione? Ma soprattutto, Leo morirà? Chi entrerà nella famiglia di Braccialetti Rossi? Non possiamo di certo rispondere con sicurezza a tutte queste domande, ma proveremo a raccogliere un po’ di informazioni in giro per il web. 

Le prime anticipazioni erano già state rilasciate dal regista, Giacomo Campiotti, ad ottobre attraverso un’intervista al settimanale TV Sorrisi e Canzoni: la storia d’amore tra Leo e Cris continuerà, ma qualcosa nelle loro vite accadrà, qualcosa di molto importante, si vocifera addirittura il matrimonio (in una foto sul set, durante le riprese, si nota Leo in giacca e Cris con indosso un vestito bianco, ma nulla è certo); saranno svelate altre novità sulla famiglia di Leo che a sua volta sarà aiutato nella sua guarigione da Davide, che abbiamo già conosciuto nella modalità “fantasma”. La love story tra Vale e Nina continuerà, seppur in modo altalenante, e proprio parlando di amore anche Toni potrebbe fare il grande passo. Intanto Bea e Rocco guariranno, mentre Chicco in un primo momento viene dimesso dall’ospedale per farvi poi ritorno. 

Le novità sul Cast non sono poche: entra in scena Bobo, un ragazzo cardiopatico che è in lista di attesa per un trapianto di cuore, il quale creerà non pochi problemi a Leo. La mamma di Bobo sarà interpretata da Francesca Chillemi, mentre in ospedale arriverà un nuovo cardiochirurgo interpretato da Giorgio Marchesi, che subito entrerà in contrasto con la famosissima dottoressa Lisandri. Si parla, inoltre, anche dell’ingresso in scena di Luca Ward, che potrebbe rappresentare qualche “scheletro nell’armadio” del passato di Leo.

Le voci del web, inoltre, annunciano che Braccialetti Rossi 3 ci potrebbe accompagnare per 6 puntate, come la prima serie. Ma da quando? Rispondere a questa domanda è un po’ difficile: si preannunciava addirittura dicembre 2015, ma le riprese sono durate un po’ più del previsto, quindi la data di inizio è stata posticipata a febbraio 2016, per poi subire un nuovo spostamento a marzo o addirittura aprile 2016. Il 26 gennaio 2016 lo stesso Carlo Degli Esposti nell’articolo pubblicato su CarloPalomar.it, in occasione del secondo compleanno di Braccialetti Rossi, scriveva: “La messa in onda della terza serie di BRACCIALETTI ROSSI non è ancora stata decisa, stiamo montandola ed è molto bella, abbiate pazienza. Nei prossimi mesi organizzeremo alcuni incontri LIVE. WATANKA!!!!!”

Insomma non c’è ancora niente di certo, se non che le riprese sono finite e che l’attesa durerà ancora poco. Intanto possiamo goderci la nuova sigla di Braccialetti Rossi 3 ‘Simili’ di Laura Pausini che salirà sul palco dell’Ariston per cantare il brano durante il Festival di Sanremo, e non è escluso che in quell’occasione potrebbero esserci anche i ragazzi del cast per presentare al pubblico la nuova serie… Vi lascio ascoltare la canzone…

Restiamo tutti in attesa. Vi terremo aggiornati. Intanto dal set…

Published by:

iLoveIMG: opera le tue immagini sulla rete

Bentornati!

Per tutti coloro che sono in trepida attesa di conoscere l’altro strumento che vi avevo promesso di presentarvi, scendete giù al bar vicino casa e prendete un caffè a mio nome. E’ tutto offerto da IL MOLO.  🙂  Naturalmente scherzo, ma è giusto per farci due risate su…sì, perché fa bene ridere e i sorrisi sono “la morte” (in senso buono come la intendiamo noi napoletani) delle foto. Ecco, ho introdotto il mio argomento, e non so nemmeno io come ho fatto…

Nello scorso salvataggio vi ho parlato di iLovePDF, lo strumento facile e veloce che vi permette di modificare i vostri file pdf direttamente dalla Rete, senza scaricare software aggiuntivi e senza rischiare alcunché virus o malware. Allo stesso modo oggi vi voglio presentare il complementare di iLove PDF: si chiama iLoveIMG, è nato da pochi giorni e vi permette di operare le modifiche basilari alle vostre immagini. Vediamone subito le principali caratteristiche:

  • COMPRIMERE IMMAGINE: riduce drasticamente le dimensioni delle vostre immagini (come spazio utilizzato);
  • RIDIMENSIONA IMMAGINE: ridimensiona le immagini consentendone la scelta delle dimensioni;
  • RITAGLIA IMMAGINE: ritaglia un’immagine definendo un rettangolo in pixel;
  • CONVERTIRE IN JPG: converte i principali formati in JPG;
  • CONVERTIRE DA JPG: converte da JPG nei principali formati immagine.

Ancora una volta vi segnalo questo strumento per l’ottima qualità e la sicurezza. Insomma la serie iLove continua…speriamo di avere presto sulla rete altri strumenti utilissimi, di casa iLove, della stessa portata. Alla prossima  😆 

Published by: